59 volte Kirk
59 volte Kirk

59 volte Kirk

59 volte auguri a Kirk Hammett, chitarrista americano originario di San Francisco. Si avvicina alla chitarra a 15 anni e solo 3 anni dopo fonda la prima band che gli permette di fare i primi passi nella scena musicale che conta, gli Exodus. Con questo gruppo calca i primi palchi di rilievo e registra un demo nel 1982. L’anno successivo entra a far parte del gruppo con cui ottiene la sua ufficiale consacrazione e notorietà, i Metallica. Band con cui tutt’ora suona e con cui da più di tre decenni sta dando un indelebile contributo alla scena musicale hard rock e heavy metal. Non solo Metallica, negli anni Hammett colleziona diverse collaborazioni con artisti anche di grande rilievo, come ad esempio il chitarrista Carlos Santana. Per lui suona nella canzone Trinity (All that I Am, 2005) assieme al suonatore di pedal steel guitar Robert Randolph.

Quando scopre il rock, Hammett rimane subito affascinato dalla figura di Jimi Hendrix. Approcciatosi alla chitarra, inizia presto ad esibirsi in cover degli assoli del leggendario chitarrista americano. Il suo primo amplificatore è un una scatola di scarpe con inserito uno speaker da 4 pollici. Solo qualche anno dopo, grazie i soldi ottenuti con un lavoro da Burger King, riesce a comprarsi un amplificatore serio, un Marshall.

Durante gli anni del liceo conosce Leslie Edward Claypoo, futuro membro di un’altra band di successo del mondo metal. Claypoo diventerà infatti celebre, con il nome di Les Claypool, per essere voce e basso della band alternative metal Primus. I due si conoscono perché frequentano la stessa scuola, la De Anza High School di El Sobrante. Con gli Exodus suona come gruppo di apertura in 2 concerti dei Metallica, una volta nel 1982 e una nel 1983. Inoltre, è proprio il manager degli stessi Exodus, Mark Whittaker, a proporlo ai Metallica nel 1983, quando la band è alla ricerca di un nuovo chitarrista solista. Entra a far parte dei Metallica sostituendo un altro chitarrista che ottiene successivamente enorme fama, Dave Mustaine. Mustaine viene sostituito nel 1983 dalla band per controversie con il frontman James Hetfield e per problemi dovuti all’utilizzo di droga. Nello stesso anno Mustaine crea un suo personale gruppo di cui sarà chitarrista e voce, i celebri Megadeth.

Dopo aver terminato le registrazioni del primo album dei Metallica Kill ‘Em All (1983) e il tour promozionale, Hammett decide di prendere lezioni di chitarra. Vuole, infatti, sviluppare maggiormente la sua conoscenza di stili e tecniche metal. A fargli da tutor è nientemeno che un mostro sacro della chitarra, Joe Satriani. Insieme lavorano sulla sua velocità utilizzando come palestra brani appartenenti a diversi stili musicali, dal blues al jazz, alla musica classica.

La casa produttrice di chitarre e bassi elettrici ESP Guitars è la produttrice di alcune sue personali linee di chitarre. Alla fine degli anni 80, Harmett convince la casa produttrice di strumenti a produrgli una chitarra personalizzata, la ESP KH-1. Questa collaborazione si trasforma poi in una vera e propria signature series firmata dal chitarrista stesso a cui seguiranno negli anni da altre produzioni.

Hammett è conosciuto da tutti per suonare musica hard rock e heavy metal. Si dedica però anche alla composizione di musica classica, attività che svolge insieme alla moglie Lani. Si diletta anche nella scrittura. Sua è l’introduzione per il libro To Live is to Die: The Life and Death of Metallica’s Cliff Burton (Jawbone Press, 2009) dello scrittore britannico Joel Mclver. Nel 2012 ha pubblicato anche un suo libro, Too Much Horror Business (Abrams Books), in cui espone tutta la sua passione per i film horror riportando anche foto dei suoi film preferiti e i suoi numerosi cimeli.

Sempre rifacendosi al tema dell’horror Hammett è stato il creatore del festival svoltosi nel 2014, il Kirk Von Hammett’s Fear FestEvil. Inoltre quest’anno ha aperto una sua personale mostra,It’s Alive! Classic Horror and Sci-Fi Art from the Kirk Hammett Collection, in cui ha esposto la sua immensa collezione di cimeli e fumetti a tema horror e fantascientifico. Ha collaborato a diversi show televisivi. Nel 2006 ha doppiato se stesso nell’episodio The Mook, the Chef, the Wife and Her Homer (titolo italiano: Lo scemo, lo chef, la moglie e il suo Home) della serie animata I Simpsons. Inoltre ha fatto delle apparizioni o prestato la voce nelle serie televisive Metalocalypse, The Queen of Denmark e Space Ghost: Coast to Coast.