Hellbound
Hellbound

Hellbound


la recensione di HELLBOUND (2021)
regia di Yeon Sang-Ho

Seoul, Corea del Nord. L’improvvisa apparizione di creature infernali che puniscono i peccatori semina il panico nella città. Il fanatismo religioso e la violenza iniziano a dilagare. Tutto questo è Hellbound, nuova, strepitosa serie Netflix coreana. Il regista di Train to Busan ci racconta di sette misteriose, morte, peccati, sensi di colpa, redenzione e inferno. Il paradiso non è contemplato. Nessuno è al sicuro, siamo tutti peccatori. Il nostro destino è segnato e si materializza attraverso demoni-gorilla forzuti e cattivissimi. Tanti dialoghi, tante domande. Serie complessa e molto intensa, ma si rimanere incollati alla poltrona fino alla fine. Iniziate a pregare perché l’inferno inizia da vivi. Il 2021 si chiude con una delle serie più belle e più incredibili dell’anno.