Space Jam: New Legends
Space Jam: New Legends

Space Jam: New Legends

la recensione di SPACE JAM: NEW LEGENDS (2021)
regia di Malcolm D. Lee

Il campione NBA LeBron James deve unirsi ai Looney Toones per giocare una partita di basket e salvare il figlio. Della serie: “Come ti rifaccio (male) un cult”. Ragazzi, i tempi sono cambiati e le persone anche. Forse questo nuovo Space Jam New Legends è stato progettato per le nuove generazioni (togliamo il “forse”) e forse è questo il motivo del piattume cosmico. Tanta, tantissima roba (tutta a marchio Warner ovviamente) e poco Looney Tunes. Manca la follia anarchica dei personaggi e soprattutto in versione 3D sono terrificanti. E poi, i soliti pistolotti padre/figlio, effetti speciali strabordanti e LeBron James ha lo stesso carisma della molletta per stendere il bucato. Poi boh, a qualcuno può piacere questo (finto) delirio marchettaro della Warner, ma credetemi quando vi dico che le nuove generazioni non sono così stupide da accettare (e apprezzare) un prodotto inutile come questo. Quanto mi mancano gli anni 90.